Wednesday, April 15, 2009

Prestigio 2009: Granfondo Selle Italia - Via del Sale

Ed eccomi qua a raccontare di domenica 5 aprile 2009.

Come solito, si comincia la stagione di gare amatoriali con la prima tappa del prestigio: la Granfondo Selle Italia.

Quest'anno il percorso è stato modificato: stando alle altimetrie è stato semplificato come dislivello totale ma leggermente indurito per quanto riguarda le pendenze.

Non saprei dare una mia opinione in quanto è stata una gara molto sofferta.

Nei tre giorni precedenti la granfondo ho sofferto un virus intestinale e dissenteria: sono arrivato alla mattina della gara in pessime condizioni. Non avevo energie (facevo fatica a salire un piano di scale).

Ho deciso comunque di onorare l'impegno e, pedalando con molta calma, sono arrivato in fondo alla gara.

Nei 30km di pianura all'inizio non sono riuscito a tenere la solita andatura da Granfondo (45km/h di media circa), e nemmeno nei 30 km finali.

Ho cercato di arrivare ai piedi della prima salita il più riposato possibile: purtroppo non è stato sufficiente e nelle salite sono salito con un passo davvero troppo lento rispetto ai miei standard.

Il risultato finale è stato pessimo: sono arrivato 1616° su 1797 in 6 ore e 6 minuti circa.

L'anno scorso, con una condizione atletica simile a quella di quest anno, ma senza i problemi intestinali, mi sono piazzato 238° su 1848 in 4 ore e 40 minuti circa.

Che dire... Per come si sono messe le cose, l'obiettivo era di arrivare in fondo entro il tempo massimo e ce l'ho fatta.

Adesso sono guarito e guardo con fiducia ai prossimi impegni.

Domenica 19 sono impegnato alla GF Stockalper in compagnia di un compagno di squadra. Non essendo del Prestigio penso di prendermela comoda e fare una piacevole passeggiata.

Il primo maggio invece mi attende la Dieci Colli, classica bolognese.

A presto

4 comments:

  1. Sei stato veramente un grande a concludere la gara nonostante i problemi fisici... ricordo un giro di qualche anno fa in condizioni simili, e l'idea di pedalare per centocinquanta km con problemi intestinali è tra le approssimazioni migliori dell'inferno ch'io riesca ad immaginare... ;-)

    ReplyDelete
  2. Forse era la volta buona che, se venivo anch'io, si teneva lo stesso ritmo...poi ti bruciavo in volata :o)

    ReplyDelete
  3. @Bauno: Mi avresti rifilato un distacco enorme. E adesso che hai la bici nuova: pedala!

    ReplyDelete
  4. @Pietro: Grazie della comprensione. Non sono l'unico ad aver provato queste belle sensazioni.
    Ti sei anche fermato a liberarti del "carico"? Io ho dovuto :-)

    ReplyDelete

Note: Only a member of this blog may post a comment.